Terme dei papi

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

"Quale del Bulicame esce ruscello che parton poi tra lor le peccatrici tal per la rena giù sen giva quello Lo fondo suo ed ambo le pendici. Fatt'eran pietra, è margini di quello."  (Dante, Inferno, canto XIV, vv. 79-83)

Nel cuore della Tuscia, ad appena due chilometri da Viterbo, sgorgano le celebri acque termali già note agli Etrus​chi prima ed ai Romani poi.
Cantate da poeti, frequentate da grandi papi e da artisti famosi, le Terme dei Papi ancora oggi dispensano bellezza e benessere garantendo un rilassante soggiorno reso ancora più indimenticabile dalle splendide attrattive dei dintorni.
 
Le acque ipertermali che provengono dalla sorgente del Bullicame, sgorgano in grande portata a 58°C.
La stessa sorgente alimenta una piscina monumentale di oltre 2.000 mq di superficie anche se il Centro Termale usufruisce di altre sorgenti, le cui acque, diverse per composizione e indicazioni, favoriscono una molteplicità e varietà di applicazioni terapeutiche, come ad esempio l'acqua che scaturisce dalla storica sorgente del Bagno del Papa impiegata nella cura delle vasculopatie periferiche.
 
Vero fiore all'occhiello dello Stabilimento è senza dubbio la suggestiva grotta terapeutica caldo-umida, efficace e polivalente strumento di cura, le cui condizioni climatiche e ambientali vengono a crearsi in modo naturale per caduta dell'acqua della sorgente Bullicame sotto forma di cascatelle. I trattamenti fangoterapici, invece, utilizzano il fango naturale che arriva direttamente dal piccolo lago di origine vulcanica di Bagnaccio sul cui fondo sgorgano numerose sorgenti termali che mineralizzano e maturano le argille presenti da millenni nel laghetto, dando origine ad un fango assolutamente unico.
 
Va peraltro sottolineato che le Terme dei Papi sono dotate di un moderno Centro Cosmetico ed Estetico che, servendosi di una avanzata tecnologia, sfrutta gli effetti salutari delle acque e dei fanghi per la cura di problemi dermatologici e per trattamenti di bellezza, coadiuvati dalla nuova linea di prodotti cosmetici ideati appositamente dal Centro Termale. Le cure termali sono convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale e Regionale.
L'acqua, classificata come sulfureo-solfato-bicarbonato-alcalino-terrosa, è quindi adatta a molteplici usi nella terapia termale. L'utilizzo terapeutico è molteplice e scientificamente consolidato in ambito di Reumatologia e Riabilitazione, Otorinolaringoiatria, Pneumologia, Ginecologia, Dermatologia, Medicina Estetica e Odonto-Stomatologia.

Curiosità

Michelangelo Buonarroti, passando dai Bagni di Viterbo in uno dei suoi viaggi a Roma (tra il 1496 e il 1536), fu colpito dalla bellezza delle Terme e ne fece due disegni a penna, che attualmente si trovano presso il Museo di Vicar de Lille in Francia.

Approfondimenti

Per maggiori informazioni: Terme dei Papi

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria