Comune di Trevi nel Lazio

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

Trevi nel Lazio sorge intorno all'antica rocca, posseduta dai Caetani, su un colle di oltre 800 mt, vera fortezza strategica a guardia dell'alta valle del fiume Aniene. L'antico nome era Treba Augusta, sotto il dominio romano, ma le sue origini sono molto più antiche.

Inizialmente fece parte degli Equi, popolazione italica confinante con gli Ernici ed i Marsi, dotati di cultura e tradizioni proprie, anche se tagliati fuori dalle correnti del traffico mediterraneo.

Fu inevitabile la guerra con Roma e Trevi fu ridotta a colonia romana con governo repubblicano, censori, decurioni, edili e foro. Il monumento di epoca antica di maggior rilievo è l'Arco di Trevi, ubicato presso la statale 411, al confine con il territorio di Guarcino e ritenuto da molti studiosi parte integrante di un acquedotto romano.
Nella zona degli Altipiani, poi, sono ancora in corso scavi per riportare alla luce la struttura di una grande villa dell'epoca imperiale. Resti di mosaici sono stati rinvenuti anche nel centro storico. Nei secoli XII e XIII, la lotta tra Papato e Impero, fece sì che Trevi venisse affidata in feudo alle famiglie dei papi: i Conti e i Caetani. Il lungo periodo della signoria dei Caetani, fino al 1471, fu caratterizzato da rivolte, rapine e uccisioni per il malcontento generale dovuto alle misere condizioni in cui la comunità era costretta a vivere. 
Nel 1471 l'ultimo dei Caetani fu cacciato dalla cittadina a furor di popolo. Nel 1473 papa Sisto IV legò il comune di Trevi alla giurisdizione temporale degli "abati commendatari" sublacensi e quindi la comunità trebana finì nella struttura politico-amministrativa dell'Abbazia di Subiaco. In questo periodo il pittore Desiderio di Subiaco eseguì gli affreschi della cappella di San Sebastiano nella Chiesa della Madonna del Riposo a Trevi.

Nel 1534 Carlo Barberini donò alla comunità religiosa di Trevi l'urna che custodisce l'abito del Protettore, San Pietro Eremita. Nel XIX secolo Trevi era tra i più importanti castelli dell'Abbazia di Subiaco per popolazione e per vastità di territori.

Gli Altipiani di Trevi (detti di Arcinazzo), hanno avuto in questi ultimi anni un enorme sviluppo turistico.
Questo immenso altopiano a circa 1000 metri di altitudine, coperto di boschi, con un clima eccezionale, attira infatti visitatori da ogni parte d'Italia, soprattutto dalla capitale. Possiede una struttura ricettiva di primordine con alberghi, ristoranti, residences, impianti sportivi ed è la base di partenza per le escursioni al vicino Santuario della Santissima Trinità, a Subiaco e le sue Abbazie, ai campi di neve di Campo Staffi, Campo Catino e Livata.

Approfondimenti

Per maggiori informazioni: Comune di Trevi  nel Lazio
 

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria