Rione Pigna

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

Il Rione Pigna comprende, tra gli altri, il Pantheon, largo di Torre Argentina e Piazza Venezia.

Il nome deriva da una gigantesca pigna di pietra, risalente all'epoca romana, rinvenuta oltre mille anni fa nella zona durante alcuni lavori di scavo; attualmente la Pigna è conservata nella Città del Vaticano ed è esposta proprio nel piazzale dei Musei.

Anticamente questo Rione era molto povero e poco apprezzato dai romani. Bisogna aspettare il Rinascimento ed il Barocco per vederne rivalutata la sua importanza. Su Piazza Venezia, proprio di fronte al Vittoriano, il rinascimentale Palazzo Bonaparte fu abitazione della madre di Napoleone, Maria Letizia Ramolino, che qui visse gli ultimi 18 anni della sua esistenza, conducendo una vita molto riservata.

La forma quadrata del Rione, racchiude luoghi assai importanti per l'urbanistica cittadina, frutto dei diversi interventi sulla città condotti in epoche anche molto lontane tra loro. La zona, infatti, è un punto di passaggio significativo e centrale per ogni tipo di spostamento all'interno della città di Roma. Vi si trovano strade e piazze importanti come largo di Torre Argentina, una parte di Via del Corso, Via del Collegio Romano, Via del Gesù e la curiosa Via del Piè di Marmo, facilmente riconoscibile dai resti di una statua colossale romana, un piede, appunto, posta all'angolo della strada.

Anche in questo Rione non sono pochi gli edifici di pregio come Palazzo Altieri, il Palazzo del Collegio Romano, che ospita il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Palazzo San Macuto e Palazzo Venezia oltre alle Chiese del Gesù, di San Marco, di Santa Maria in Via, di Santa Chiara e di San Giovanni della Pigna.

Un discorso a parte va fatto per Piazza della Rotonda e per il Pantheon, una delle mete preferite da tutti i turisti al pari del Colosseo, di San Pietro, di Fontana di Trevi e di Piazza di Spagna​.

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria