Borghi sul lago di Bracciano

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

Sul lago di Bracciano si affacciano tre incantevoli borghi, località imperdibili da visitare dopo una piacevole passeggiata sullo splendido lungo lago.
 
L'antico borgo di Bracciano sorge sulle rive dell'omonimo lago, località incantevole la cui fama è dovuta al magnifico castello Orsini Odescalchi, noto in tutto il mondo per la sua spettacolare bellezza. In origine è un piccolo borgo di pescatori e contadini, già noto ai tempi degli etruschi (sono state trovate alcune tombe proprio sulle rive del lago), che viene ceduto nel 1419 da papa Martino V alla famiglia Orsini. Da allora nasce il legame indissolubile con la nobile famiglia romana che ne fa la sede della sua fortezza militare, il castello Orsini Odescalchi. Una leggenda narra che sotto le acque del lago, di origine vulcanica, esisteva una parte della città sommersa; la parte emersa sarebbe stata denominata Bracciano in seguito alla forma presa. Numerose le testimonianze storico–artistiche da ammirare in una passeggiata nel centro storico che si erge su un alto rilievo, dal quale si domina lo splendido panorama del lago sino all'Appennino: la Collegiata di S. Stefano, le chiese di S. Maria Novella e della Madonna del Riposo e la piazza del comune.


E ancora, nei dintorni, le frazioni di Pisciarelli e Castel Giuliano e le vestigia di quel che fu il primo stabilimento termale costruito nel  1737 dal Collegio Germanico Ungarico nel borgo agricolo di Vicarello (oggi di proprietà privata), lungo la sponda nord del lago. Nel 1753, il borgo fu completato con la costruzione della Chiesa dell'Annunziata, che sostituì la vecchia chiesa andata in rovina. Di fronte al borgo, sull'altro lato della strada, in posizione panoramica sul lago, si trova il Casino di caccia degli Orsini, detto anche Casina Valadier, in quanto acquistato nel 1789 dall'architetto romano Giuseppe Valadier.

Il graziosissimo borgo di Anguillara Sabazia sorge sulla cima di un promontorio del lago di Bracciano ed è dominato dal Castello Orsini Odescalchi. Classica gita fuori porta domenicale per trascorrere una giornata in pieno relax e degustare i piatti tipici, lucci e coregoni fritti appena pescati nel lago. Anguillara Sabazia ha origini antichissime, sommerso dalle acque del lago di Bracciano sulla cui sponda sud orientale si estende il paese, è stato scoperto un villaggio neolitico risalente a circa 8.000 anni fa. Nel corso degli scavi subacquei sono stati recuperati importanti reperti, tra cui in particolare cinque piroghe di epoca neolitica. Una di queste è in mostra al Museo Nazionale Preistorico Etnografico Luigi Pigorini all'EUR. Un'altra, lunga 9,50 metri e originariamente spezzata in due parti, rinvenuta il 31 luglio 2005 a dodici metri di profondità, è oggi conservata nel Centro Espositivo del Neolitico del paese.

In occasione delle principali manifestazioni annuali, la Sagra del pesce (luglio), la Sagra dei funghi (2ª domenica di ottobre), il Torneo dei rioni (luglio) e la Festa di settembre in onore della Madonna delle Grazie, la città organizza una serie di spettacoli pirotecnici sul lago che sono di grande suggestione perché sfruttano l'effetto "specchio" generato dalla superficie immobile dell'acqua.

Una peculiarità di Anguillara è la sorgente di acqua effervescente naturale Clavdia (Claudia) che sgorga da una fonte che conserva i resti romani dell'antico manufatto. Altri luoghi d'interesse sono: la Porta cinquecentesca, antico punto di ingresso alla città, sormontata da un orologio, la cinquecentesca Chiesa della Collegiata, situata sul punto più alto del promontorio con la terrazza limitrofa, il Museo della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare, la quattrocentesca Chiesa di San Francesco, il palazzo comunale, il lungolago percorribile in bicicletta sulla pista ciclabile e le spiagge di Vigna di Valle che al primo sole dell'estate  si riempiono di bagnanti.

Trevignano Romano, uno dei tre borghi che sorge sulle rive del Lago di Bracciano, presenta un delizioso centro storico dominato dai ruderi della rocca degli Orsini. Una giornata a Trevignano Romano come Bracciano e Anguillara Sabazia, consente di trascorrere piacevoli ore, a seconda della stagione, passeggiando sul lungo lago a piedi o in bicicletta lungo la pista ciclabile o per fare shopping nelle piccole e raffinatissime botteghe.


Antiche sono le origini di questo piccolo paese che sorgerebbe sul sito dell'antica città di Sabate, della quale però non sono state trovate tracce, se non per una estesa necropoli che si estende per circa tre chilometri alle spalle dell'odierno abitato. Alcuni corredi di queste tombe a camera sono visibili nel Museo Etrusco nel Palazzo del Municipio, nella piazza principale del paese. Il borgo medievale conserva e mantiene l'atmosfera tipica di un villaggio dei pescatori. 


Da vedere anche i resti della duecentesca Rocca Orsini, soprattutto all'ora del tramonto: la migliore, per godersi il panorama del lago e dei suoi borghi, sopra i tetti di Trevignano. All'interno della Chiesa dell'Assunta l'opera più importante è l'affresco dell'abside di un pittore della scuola di Raffaello, che ha come soggetto la dormizione, o morte, della Madonna e la sua assunzione e incoronazione in cielo.  Da sedici anni nel mese di maggio, Trevignano è la sede del Festival Internazionale del Corto di Fiction. 

Molte le opportunità di fare sport per gli appassionati di windsurf, parapendio e canoa o escursioni in bicicletta lungo la ciclovia dei laghi (7.880 metri):  un anello realizzato per offrire una vista panoramica sui due laghi Bracciano e Martignano, i monti Sabatini il Monte di Rocca Romana e i monti della Tolfa.

 

Mappa

Dettaglio mappa