Roma religiosa

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

Centro mondiale della religiosità cattolica, Roma è anche la capitale di uno stato laico moderno che fa della tolleranza religiosa uno dei suoi tratti più importanti e qualificanti.
Per garantire al meglio questa duplice vocazione, Roma è la capitale di due stati: lo Stato Città del Vaticano e lo Stato Italiano.

In città, altissima è la concentrazione di chiese cattoliche, la maggior parte delle quali in stile barocco con le caratteristiche cupole che, insieme ai loro campanili, costituiscono un elemento qualificante del panorama romano. Se ne contano diverse centinaia, quasi tutte di grande bellezza e di pregio artistico.
 
Molte sono le chiese paleocristiane e medioevali, tra cui il Pantheon e Santa Maria in Cosmedin.

In numero inferiore le chiese gotiche, la più importante delle quali è Santa Maria sopra Minerva.

Poi vengono le chiese rinascimentali, che annoverano, tra le altre, San Luigi dei Francesi e Santa Maria degli Angeli.

Moltissime e splendenti le chiese barocche con Sant'Andrea della Valle, Santa Maria della Vittoria, Sant'Agnese in Agone e Sant'Andrea al Quirinale per una tradizione di architettura religiosa che arriva fino ai giorni nostri con la famosa chiesa Dives in Misericordia a Tor Tre Teste opera di Richard Mayer inaugurata nel 2000, per il Giubileo.
 
Ad esse vanno affiancate le Basiliche pontificie di San Pietro, San Giovanni in Laterano, San Paolo Fuori le Mura e Santa Maria Maggiore, che insieme a San Lorenzo Fuori le Mura, Santa Croce in Gerusalemme e San Sebastiano Fuori le Mura costituivano il circuito delle "Sette Chiese", ideato da San Filippo Neri, che i pellegrini erano obbligati a percorrere durante il Giubileo per ottenere grazia e indulgenze.

Roma inoltre è ricchissima di testimonianze archeologiche religiose precristiane con Templi, Mitrei, Ninfei, Catacombe ebraiche, Mausolei, Piramidi - famosissima la Piramide di Caio Cestio in Porta San Paolo - Ipogei, Colombari e Necropoli. Negli scavi di Ostia antica si può visitare la più antica sinagoga europea, risalente al Primo Secolo d.C. Come è noto, infatti, la presenza degli ebrei a Roma è antichissima perché precedente alla Diaspora e, nonostante le persecuzioni razziali, è ancora forte e qualificante l'identità cittadina. Oggi a Roma sono sette i luoghi di culto ebraici. Il principale è il Tempio Maggiore, conosciuto come la Sinagoga, situato sul Lungotevere Cenci, all'interno del Ghetto, e realizzato alla fine dell'Ottocento in stile eclettico.

Molto più recente invece è la Moschea, la più grande d'Europa, che si trova nel quartiere Parioli ai piedi del Monte Antenne. Progettata da Vittorio Gigliotti, Sami Moussawi e Paolo Portoghesi, fu inaugurata nel 1992. Vanta un grande e attivo Centro Culturale Islamico e un Minareto alto 24 metri. E' il luogo di culto islamico più importante della città che ne conta altri 16 distribuiti nei vari quartieri al centro e in periferia.

Meno recenti, ma sempre piuttosto vicine nel passato, sono le costruzioni delle chiese protestanti a Roma che risalgono tutte a dopo l'Unità d'Italia quando la città venne sottratta al dominio del Vaticano per diventare capitale del Regno. La più antica è la chiesa di San Paolo dentro le Mura in via Nazionale. Si tratta della chiesa anglicana episcopale d'America, la prima non cattolica costruita a Roma. Molto centrale è la Chiesa Evangelica Battista di via del Teatro Valle inaugurata nel 1878. Poi vi sono la chiesa presbiteriana in via XX settembre, la St. Andrew's Church of Scotland, e poco lontano, la chiesa evangelica luterana, la Christuskirche in via Sicilia. In via del Babuino la anglicana Chiesa di Ognissanti. Chiese evangeliche battiste si trovano anche nel Rione Monti e in Trastevere.

Di particolare interesse le chiese Valdesi, il culto protestante italiano. Costruite all'inizio del secolo scorso, si trovano in piazza Cavour, dove c'è anche una facoltà di Teologia, in via IV novembre e nel rione Trevi.

Complessivamente sono 35 i luoghi di culto delle religioni protestanti nella città di Roma. 12 sono gli ortodossi, tra cui spiccano la chiesa di San Teodoro al Palatino, ortodossa di Costantinopoli e la Chiesa di santa Caterina martire, ortodossa di culto russo, che si trova all'interno del parco di Villa Abamelek, sede dell'ambasciata russa in Italia.

A questi luoghi di culto vanno aggiunti i cinque templi buddisti tra i quali va ricordato il tempio di via Ferruccio nel quartiere Esquilino​, il primo in Italia, situato tuttora in un garage e uno ciascuno per induisti e sik.

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria

Correlati

Destinazioni

Natura

Attività

Arte e cultura

Sapori

Itinerari

Eventi