Pianiano piccolo borgo medievale

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

Piccolo e antichissimo borgo, situato sulla strada che dalla zona di Vulci conduce a Ischia di Castro a 4 km da Cellere, rappresenta una vera e propria scultura nel tufo. È un esempio ancora integro di insediamento medievale. Le origini del piccolo borgo sono probabilmente da ricercare nell'antico culto di Apollo/Diana connesso alla caccia (Plandianum, Plandiana, Castrum Planiani, Pianiano).


 Al patrono S. Sigismondo è dedicata la chiesa di origine medievale, ampliata dopo l'arrivo degli immigrati di origini albanese colà stabiliti per volere del Governo Pontificio nell'anno 1757. In essa è conservata una pregevole acquasantiera in nenfro decorata da tre gigli farnesiani che denotano l'appartenenza del borgo alla Casa Farnese e al Ducato di Castro. Pianiano ha in linea di massima condiviso le vicende storiche di Cellere; nell'anno 1729, per volere delle due Comunità, ne è stata disposta l'unione con Breve del papa Benedetto XIII. 


La struttura del castello (anticamente esisteva anche un borgo esterno alle attuali mura) è stata quasi interamente costruita dagli Albanesi dopo un lungo periodo di completo abbandono. Ad esso si accedeva attraverso un ponte che immetteva nel portale di ingresso difeso da una torre, oggi adibita a residenza privata, e dalla rocca adiacente già distrutta nel XVIII sec. e non più ricostruita.

Mappa

Dettaglio mappa