lago di Vico in bici

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

Da Ronciglione s'inforcano le due ruote lungo la via Cimina in direzione Viterbo. Superate le indicazioni per la Riserva Naturale, più avanti a destra c'è il bivio per scendere in direzione di Caprarola, dominata dalla mole elegante di Palazzo Farnese. Proseguendo lungo il lago, si svolta quindi a sinistra verso S. Martino al Cimino: dopo un po', presso un'area di sosta nel bosco, un'altana offre la veduta più spettacolare sulla conca del lago, di evidente natura vulcanica.
 
Di qui, poi, si scende velocemente alle sponde del Lago di Vico. In poche pedalate si arriva all'albergo "La Bella Venere", con ampi prati sull'acqua e impianti sportivi, quindi al campeggio Natura. Passando per il Fontanile di Canale si giunge in cima al Monte Venere attraversando una faggeta di straordinaria bellezza.
 
Tornati al bivio del campeggio si tocca l'osservatorio delle Pantanacce per avvistare svassi, anatre e nibbi. Dopo essere arrivati ad un castagneto e alle pendici del monte Fogliano si riprende la strada del ritorno passando per la località Casaletto. 
 
Punto di partenza e arrivo: Ronciglione​
Lunghezza: 40 km
Difficoltà: facile (impegnativa la salita al monte Venere)
Cosa Vedere: Caprarola.
 
Appuntamenti: Il carnevale di Ronciglione, forse il più caratteristico del Lazio, con la Corsa degli Ussari, le sfilate dei carri e dei Nasi Rossi.

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria