Museo Centrale del Risorgimento al Vittoriano

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

Il Museo Centrale del Risorgimento è ospitato nell'Altare della Patria di Roma.

Nel 1878, alla morte di Vittorio Emanuele II, che nel 1861, con la creazione dello stato Italiano aveva assunto il titolo di re d'Italia, il Parlamento decise di edificare a Roma un monumento dedicato al primo sovrano dell'Italia unificata chiamato perciò Vittoriano.

Il Vittoriano è stato inaugurato nel primo decennio del Novecento. Il Parlamento che ne deliberò l'esecuzione nell'anno 1878 (anno di morte di Vittorio Emanuele II) decise che al suo interno dovesse trovar posto anche il Museo Centrale del Risorgimento, con lo scopo di raccontare eventi storici che hanno portato alla situazione politica ed economica italiana, relativi all'arco temporale compreso tra i secoli XVIII e XX, attraverso la raccolta e l'esposizione di documenti cartacei come diari, lettere, persino manoscritti, ma anche di veri e propri cimeli e oggetti comuni quali quadri, sculture, disegni, incisioni, stampe, armi che, rievocando fatti e protagonisti di questo importante periodo della storia del nostro paese, formano un grande archivio della memoria del Risorgimento.

Lo spazio architettonico del Museo reca lungo le pareti, incisi nel marmo, brani di testi significativi dei maggiori testimoni della storia d'Italia, in modo che lo stesso contenitore diventa parte integrante del museo. Il percorso espositivo ora proposto ripercorre le tappe fondamentali della storia d'Italia, dalle riforme dei vari Stati della penisola nella seconda metà del Settecento alla conclusione della prima guerra mondiale, mediante testimonianze di vario genere che si prestano a diverse chiavi di lettura.

Tutto quello che è esposto nel Museo del Risorgimento è suddiviso e riconducibile ad un dato periodo o ad un celebre personaggio storico, da cui le sezioni prendono il nome.  Abbiamo così 14 sezioni totali, le quali vanno dal periodo napoleonico a Giuseppe Mazzini, da Pio IX a Vittorio Emanuele II e da Garibaldi al primo conflitto mondiale, passando per epoche intermedie. 

Un percorso di rari filmati d'epoca realizzati in collaborazione con Cinecittà Luce e il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale è integrato al percorso di visita.

Per maggiori informazioni: +39 06 6793598; www.risorgimento.it

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria