Riserva Naturale Regionale Lago di Canterno

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

La Riserva Naturale Regionale Lago di Canterno si sviluppa a nord-est della Provincia di Frosinone, nel versante meridionale dei monti Ernici, divisa territorialmente tra i comuni di Ferentino, Trivigliano, Fumone, Fiuggi e Torre Cajetani.
 
Il cuore della riserva accoglie il Lago di Canterno, l'elemento principale dell'intera area, un bacino di 2 km² che si estende da Nord-Ovest a Sud-Est. L'intera zona è interessata da fenomeni geomorfologici carsici, sia superficiali che sotterranei, testimoniati dalla presenza sul territorio di doline, grotte ed inghiottitoi per il ridotto sviluppo del reticolo idrografico. Il lago stesso, formatosi nei primi decenni del secolo scorso, per la progressiva occlusione del suo unico emissario, l'inghiottitoio Pertuso, rappresenta un prodotto superficiale carsico essendo un lago di dolina. 
 
Le grotte, caratteristiche di questi ambienti, sono due, quelle di Madonna della Stella, situate nel versante ovest della Monna, e quelle di Corniano, situate ai piedi dell'omonimo monte. Gli inghiottitoi sono tre, la Bocca di Patoni, la Bocca di Puzziglio e la Bocca della Parata.
 
La riserva, anche se non molto estesa, presenta una notevole varietà di ambienti naturali, ciascuno dei quali è legato ad una determinata flora e fauna. Tra le specie ittiche lacustri, insidiate dalla pratica della pesca localmente assai diffusa, si segnalano alborelle, scardole, carassi, carpe, anguille, persici reali e l'esotico amur. Quanto all'avifauna sono presenti aironi cenerini, garzette, rallidi come la gallinella d'acqua e la folaga, anatre. E' possibile osservare anche lo svasso maggiore, mentre nelle aree circostanti il lago arbusti e alberi sono frequentati da piccoli passeriformi ma non mancano specie di maggiori dimensioni quali lo sparviere e la poiana.
 
Il territorio della Riserva, soprattutto in prossimità delle rive del lago, è un vero e proprio invito a praticare attività outdoor: passeggiate a piedi e in mountain bike, escursioni a cavallo, pesca sportiva, birdwatching
 
A sud-est del lago c'è Fumone, borghetto medioevale arroccato in cima ad una collina che si affaccia sulla campagna circostante. Si ha la precisa sensazione che nulla sia cambiato dal tempo in cui i pellegrini salivano al Castrum, percorrendo ripidi tornanti lungo il Monte Fumone, sino alla cinta muraria che circonda il paese. Gli abitanti di Fumone hanno una particolare cura nel ricreare l'atmosfera medioevale, lo dimostrano le iniziative culturali, le piccole botteghe di prodotti tipici preparati e confezionati con cura e passione, e naturalmente il cibo, un viaggio alla riscoperta di piatti della più antica tradizione ciociara. D'obbligo una visita nella vicina Certosa di Trisulti​.

 

Curiosità

Per informazioni: Riservanaturalecanterno.it

Approfondimenti

Santuario della Madonna della Stella
 
La chiesina che sorge nella zona del lago di Canterno fu eretta nel 1695. Distrutta da un'inondazione l'8 dicembre 1772, fu ricostruita e consacrata nel 1774. Il 2 ottobre dell'anno successivo si provvide a collocare nella chiesa riedificata l'affresco tolto dai ruderi della vecchia costruzione che si trovava più in alto sul Monte di Porciano.
 
La tradizione vuole che quel luogo fosse stato prescelto perché la pia zitella di Anticoli, Felicia Colarossi, vi vide apparire la Madonna nell'aprile del 1690. Nello stesso luogo, Antonio da Alatri, mentre vedeva annegare la sua giumenta carica di pentole nel vicino lago, udì una voce gridare "comanda nel nome di Maria che svanisca ogni pericolo". Egli ubbidì a quella voce e la giumenta si salvò. Il pastore Sebastiano Ambrosi di Anticoli, che era nelle vicinanze, udì la voce celeste provenire dalla boscaglia del Monte Porciano e, spinto dalla curiosità, volle andare a vedere: sopra un grosso macigno rinvenne un'immagine della Madonna con la scritta "Ave Maris Stella".
 

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria