Roarrr… e il Leone, simbolo di Ausonia, vi accoglie nel Museo delle Pietre

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

Inaugurato nel 2004, il museo ha sede nel  Castello Medievale di Ausonia, caratterizzato dal leone al suo ingresso, simbolo della città. Il Castello fu costruito nell'anno mille ed è il luogo ideale per accogliere un museo unico nel suo genere dedicato al rapporto tra le pietre e l'uomo.

Pannelli esplicativi, alcuni dei quali interattivi, si alternano a vari manufatti. Collezioni di minerali e di pietre lavorate. In un ambiente adiacente si può osservare la buca dove venivano gettati i condannati. Il castello di Ausonia doveva essere un luogo molto severo a quei tempi, soprattutto per ladri e fuorilegge. Ma questo è per noi oggi un incontro tra presente e passato.

In quattro tappe potrete apprezzare il Museo della Pietra:

  • la prima illustra il tema "Parole di Pietra" dove le testimonianze sono allusive all'argomento della comunicazione umana nella scrittura, nel linguaggio allegorico, nei simboli, stemmi, lapidi commemorative;
  •  la seconda evidenzia l'intreccio tra mondi sociali e politici al centro della vita economica e religiosa di Ausonia e sono Gaeta, Montecassino, Napoli;
  •  la terza riguarda gli strumenti per la lavorazione della pietra che vanno da quelli di archeologia sperimentale ai più moderni in uso da parte degli scalpellini;
  • la quarta è dedicata alla pietra nel  significato apotropaico che le diverse culture le hanno assegnato.

Chiude il percorso uno sguardo al recente passato e al presente di Ausonia testimoniati anche da una pietra, il gesso, estratta da Berzé – La – Ville con cui Ausonia è gemellata.

In quest'angolo della Ciociaria la pietra era una elemento fondamentale del quotidiano perché da un lato era una risorsa e dall'altro un limite per gli insediamenti.  Il museo racconta il rapporto tra le comunità locali e il paesaggio degli Aurunci orientali, evidenziando il particolare aspetto dell'uso di questa pietra. Di grande interesse, inoltre, la stanza dedicata alla memoria che hanno colpito il nostro territorio al termine della guerra combattuta sulla Linea Gustav. La stanza, denominata ‘Storie come Pietre', ospita ricostruzioni e registrazioni anche iconiche dei racconti raccolti dalle persone ancora viventi.

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria