L’Insugherata, l’ingresso ‘’verde’’ della Francigena a Roma

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

Aperto l'ingresso "verde" a Roma della Via Francigena. Il percorso storico-rurale della Via Francigena del nord è, infatti, all'interno della Riserva Naturale dell'Insugherata, nuova "porta verde" per i pellegrini-trekkers che arrivano nella Capitale.

La sistemazione e la messa in sicurezza del percorso, con la segnaletica e gli arredi per le aree sosta, va a beneficio di chi percorre a piedi l'antico itinerario di fede, ma anche dei cittadini romani e degli amanti della natura con particolare attenzione alle persone con disabilità motorie che grazie alla joelette, una speciale carrozzella da fuoristrada, consentirà l'accessibilità a tutti.

L'itinerario prevede l'ingresso nella Riserva Naturale dell'Insugherata da via Cassia 1081, da lì si arriva fino a Monte Mario e si ridiscendere al Tevere, percorrendo le sue banchine fino ad arrivare a Castel Sant'Angelo dove, per gruppi organizzati si potrà proseguire il percorso utilizzando il Passetto di Borgo che collega direttamente il Mausoleo di Adriano ai Palazzi Vaticani.

La Via Francigena, che da Canterbury arriva a Roma, è una via maestra percorsa in passato da migliaia di pellegrini in viaggio per raggiungere le tombe e il luogo del martirio dei santi Pietro e Paolo. Era la più importante delle grandi vie di collegamento che solcarono l'Europa nel Medioevo. Per sette secoli su questa via transitò tutto l'Occidente medievale: è la prima vera strada che unisce l'Europa.

Deve il suo nome al fatto di essere stata utilizzata come via d'accesso al di qua delle Alpi dai Franchi, che ne fecero il più importante collegamento tra l'ambiente mitteleuropeo e le regioni del Mediterraneo. Inoltre fu battuta dai cavalieri templari che dovevano raggiungere Gerusalemme durante il periodo delle Crociate. Essendo un percorso che attraversa l'Europa e si sviluppa per lunga parte in Italia, dal Gran San Bernardo fino a Roma e quindi Brindisi, rappresenta l'occasione per coniugare le diverse realtà locali, in particolare quelle mosse dalla religione e legate al patrimonio monumentale, artistico, storico e paesaggistico.

Nella storia la Via Francigena, come tutte le grandi strade di attraversamento, ha consentito di instaurare elementi di comunicazione tra le diverse culture locali, attivando anche scambi commerciali e rapporti tra le popolazioni. Non a caso, il Consiglio d'Europa, il 21 aprile del 1994 ha dichiarato la Via "Grande itinerario culturale europeo", come il Cammino di Santiago di Compostela in Spagna.


Per maggiori informazioni: http://romanatura.roma.it/i-parchi/r-n-insugherata/ - posta@romanatura.roma.it

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria