Il Museo della Città - Acquapendente

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

Il Museo della Città costituisce un vero e proprio sistema museale integrato cittadino dove è possibile ammirare e studiare le raccolte d'arte sacra diocesana e i numerosi reperti ceramici, che illustrano la storia della ceramica aquesiana dal Medioevo ai nostri giorni.

Vi sono inoltre importanti reperti di maiolica arcaica che completano il quadro, incorniciando Acquapendente nel complesso panorama della produzione umbro tosco laziale.

Il Museo si compone di tre sedi espositive poste simbolicamente lungo l'attraversamento urbano della Via Francigena:

•    Museo della città - Palazzo Vescovile
•    Sezione ceramiche rinascimentali e medievali - Torre Julia de Jacopo
•    Pinacoteca - Chiostro di San Francesco

PALAZZO VESCOVILE

Il Palazzo Vescovile, che si colloca nell'ambito urbano della via Francigena e che fu costruito in seguito all'istituzione della nuova diocesi di Acquapendente da parte di Papa Innocenzo X, è la sede principale del Museo della Città di Acquapendente.

Al suo interno sono custodite ceramiche medioevali e rinascimentali, rinvenute durante gli scavi di recupero effettuati nel centro storico dalla locale sezione dell'Archeoclub d'Italia, paramenti sacri risalenti ai secoli XVII–XVIII, e varie opere d'arte appartenenti a diverse chiese aquesiane.

LA SEZIONE DEDICATA ALLA VIA FRANCIGENA

La nuova sezione museale è una delle prime a livello europeo ad essere dedicata al tema della Francigena e si sviluppa lungo un percorso espositivo accompagnato da un ampio plastico che, su un tracciato di oltre ventisei metri, raffigura la Via Francigena da Canterbury a Roma.

I temi di carattere generale trattati lungo il percorso affrontano, con l'ausilio di video ed esposizioni di reperti, concetti ed aspetti delle civiltà passate a cui la strada ha fatto da vettore nel corso dei secoli, come gli aspetti della fede e del pellegrinaggio, del commercio, delle frontiere e delle comunicazioni, degli scambi di sapere nel campo costruttivo, degli assedi e della guerra, dell'ospitalità e del folclore.

Ma non mancano, in un'apposita sala dotata di videoproiezioni su un plastico di Acquapendente, gli specifici aspetti urbanistici che legano la città alla Via Francigena.

TORRE JULIA DE JACOPO

Il nome della torre si deve a Julia de Jacopo, l'eroica popolana che il 18 Gennaio del 1550 riuscì a salvare Acquapendente dall'assalto delle soldatesche pitiglianesi di Niccolò IV Orsini, chiudendo tempestivamente la porta del S. Sepolcro.

Attualmente, al piano la Torre ospita il centro informativo del Comune di Acquapendente, mentre i locali del piano superiore costituiscono la sede distaccata del Museo della Città e ospitano la raccolta delle Maioliche Medioevali Aquesiane.

All'interno del museo sono esposti importanti reperti di maiolica arcaica, dipinti in ramina e manganese, decorati con motivi vegetali, geometrici, stemmi araldici, figure umane.

E' presente un vasto repertorio di forme e decori: boccali, catini, vascelli, bicchieri, tazze che dovranno trovare la giusta collocazione nel complesso panorama della produzione umbro tosco laziale.

CHIOSTRO DI SAN FRANCESCO

La struttura dell'ex Convento di San Francesco ospita al piano terra, presso i locali della ex sagrestia, la sezione Pinacoteca, inaugurata nel mese di aprile 2011.
La quadreria francescana, contenuta all'interno della Pinacoteca, vanta opere che spaziano dal XV al XIX secolo, testimoniando periodi di particolare rilevanza per la storia del convento.
Difatti opere come il San Bernardino da Siena, dipinto da Sano di Pietro, e La Vergine in adorazione del Bambino, del Maestro di Marradi, possono essere legate al clima di vivacità e di fervore spirituale che tra la fine del XV e l'inizio del XVI secolo caratterizza l'importante funzione politico-sociale che, per la sua posizione privilegiata lungo un'importante arteria stradale, svolge la comunità francescana aquesiana, anche come polo di accoglienza e raccordo dei frati e predicatori itineranti.
Infine questa sezione museale presenta una notevole raccolta di arredi e suppellettili sacri che completano il panorama storico-artistico facente parte della dotazione del convento francescano.

Per maggiori informazioni su orari di apertura e costi:

L'Ape Regina Soc. Coop. a r.l.
Via Piaggia Sant'Angelo - Acquapendente (VT)
Orario: 9:30-13:00 / 15:30-18:00
Tel: 0763 730246
Fax: 0763 731175
coop.laperegina@gmail.com

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria