Archivio di Stato di Roma

  • facebook
  • twitter
  • Google Plus
  • email

L'Archivio di Stato di Roma si trova nel cuore della città barocca, a due passi da piazza Navona e dal Pantheon all'interno del complesso monumentale di S. Ivo alla Sapienza, antica sede dello Studium Urbis, l'Università di Roma, istituita da papa Bonifacio VIII nel 1303.

L'Archivio conserva prevalentemente gli archivi prodotti dagli organismi centrali amministrativi e giudiziari dello Stato pontificio dal XV secolo al 1870, quando con l'annessione di Roma e del Lazio all'Italia, ebbe fine lo Stato dei papi. Fanno parte di questo patrimonio i fondi della Camera Apostolica e degli antichi tribunali. I documenti che riguardavano l'amministrazione religiosa della Chiesa invece rimasero in Vaticano, ed oggi fanno parte dell'Archivio Segreto Vaticano. Inoltre vanta una collezione di circa 20.000 pergamene, di cui la più antica è datata 883.

Ma oltre che per la sua ingente ed importante collezione, l'Archivio è degno di nota anche per la particolare bellezza dell'edificio che lo ospita. Infatti, nel ‘600, Francesco Borromini fu nominato architetto della Sapienza realizzando la chiesa di S. Ivo e la Biblioteca Alessandrina.

La chiesa fu edificata tra il 1643 e il 1660 e con la sua originalissima cupola polilobata e l'ardito lanternino cuspidato a spirale, è una delle più belle chiese barocche di Roma. La Biblioteca Alessandrina, che prende il nome dal papa committente Alessandro VII Chigi, è un'aula rettangolare di vaste dimensioni, suddivisa in tre campate coperte da volte a vela e situata al secondo piano a sinistra della chiesa.

Presso l'Archivio di Stato di Roma è inoltre attiva la Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica.

Per maggiori informazioni:
www.archiviodistatoroma.beniculturali.it

Mappa

Dettaglio mappa

Galleria